Come sviluppare una relazione lavorativa reciprocamente gratificante con il tuo capo.


Trascorriamo la maggior parte delle nostre giornate sul lavoro e se la tua relazione con il tuo capo è difficile, rende tutte quelle ore ancora più difficili.

Alcune persone affrontano la situazione stringendo i denti e tenendo duro, ma è difficile lavorare efficacemente in quelle circostanze. 

Riuscire a dare il meglio di noi al lavoro dipende soprattutto dal riuscire a gestire con successo le nostre relazioni, soprattutto la nostra relazione con il capo.

 

 

Potrebbe interessarti anche: 5 tecniche di PNL per superare un colloquio di lavoro

 


Ciò che serve sono abitudini intelligenti e abilità efficaci.

Ecco alcuni modi intelligenti non manipolativi per gestire efficacemente non solo il tuo capo ma anche colleghi e sottoposti:

  1. Sii un risolutore di problemi, non un creatore di problemi.

I problemi ci saranno sempre e il più delle volte il modo più semplice per risolvere un problema è smettere di esserne parte. Un buon risolutore di problemi è qualcuno che non crea drammi o alimenta la crisi. Lavora per non creare mai problemi al tuo capo e cerca di risolverli prima che lui sappia che esistono. Al cuore di una grande capacità leadership c’è un’ottima capacità di risoluzione dei problemi.


2. Stai calmo anche quando tutto intorno a te è in uno stato di caos.

Quando tutto sta andando in pezzi e crollando, l’ultima cosa che devi fare è perdere la calma. È facile essere grandiosi quando tutto va bene, ma se vuoi davvero distinguerti, la cosa intelligente è imparare a stare calmo nel caos. Quando tutti gli altri stanno perdendo la calma o mostrando la loro irritazione, la cosa più intelligente da fare è mantenere la tua reazione equilibrata e ragionevole.


3. Non incolpare gli altri e prenditi le tue responsabilità.

La tua vita, i tuoi affari, la tua reputazione dipendono da quello che fai tu. Non dare la colpa agli altri se sbagli o fallisci. Invece, dimostra la tua responsabilità facendo il punto su ciò che hai fatto di sbagliato, rifletti su cosa può essere fatto per renderlo migliore e come impedirai che accada di nuovo. Sapersi prendere le proprie responsabilità è una cosa sempre più rara, il che la rende ancora più preziosa.


4. Stabilisci confini sani.

È facile cadere nella trappola di pensare che il tuo capo voglia il 100 percento di ogni tuo momento della giornata, ma stabilire dei limiti ragionevoli dimostra che sei intelligente, che sai come prenderti cura di te e che sei in grado di essere assertivo. Non ti devi giustificare o scusarti, basta impostare i limiti in modo chiaro e fermo. Non può chiamarti di venerdì sera alle 21!


5. Non mettere scuse.

È normale a volte volerti liberare di certi impegni o scappare da certe situazioni, ma il fatto è che le scuse non funzionano e sono spesso controproducenti. Alla fine, a nessuno importa delle scuse. Riduci al minimo la voglia di mettere scuse aumentando il tuo senso di responsabilità e impegnati al massimo per fare la tua parte e risolvere i tuoi problemi.


6. Fai fare bella figura al tuo capo

Nessuno si è mai reso grande buttando giù qualcun altro. Soprattutto se il tuo capo sta avendo delle difficoltà, cerca di capire se e come potresti aiutarlo a rialzarsi. Quando lo aiuti a fare un buon lavoro, stai investendo in una relazione importante e questo ti metterà in gran luce perché lui/lei per primo non se lo aspetterà.


7. Sii una forza positiva costante

Impgnati a cercare il positivo in ogni situazione. Pensa, parla e agisci con positività. Quando tutti gli altri si lamentano, tu trova la soluzione. Ti rende un prezioso membro del team e ti distingue da tutti gli altri.

In breve, tratta la tua relazione con il tuo capo come faresti con qualsiasi altra relazione importante nella tua vita. Investi tempo, energia e creatività nel renderlo felice e soddisfatti, mostra il più possibile il tuo Io migliore e coltiva la fiducia in te stesso.